HOME

INDIETRO

Le case di San Secondo

Notizie sulle case la gente della borgata,durante il XX secolodesunte da: "Quaderni sansecondini"

Via XXV Aprile

La strada segna il limite del paese del XV e XVI secolo,  seguiva l'andamento delle mura, che sicuramente sono servite come fondamenta degli attuali palazzi. Da indiscrezioni sembra che siano state rinvenute vestigia durante la costruzione sotterranea di uno di questi edifici.

Probabilmente all'intersezione con via Garibaldi sorgeva la porta nord dell'incastellamento, infatti percorrendo la strada dalla piazza della chiesa si nota una leggera salita fino a quel punto, poi una discesa verso piazza dell'ospedale.

 

Via 25 aprile 1945    n.1

Edificio che si affaccia anche su via Garibaldi, fu abitata negli anni 50 dalla famiglia di Borsi Epifanio socio fondatore della locale sezione Avis  (vedi fotodigruppo), negli anni 70' da Toscani Primo poi  Bolsi Valter .

 

 

 

Via 25 aprile 1945    n.2

Fianco del palazzo che si affaccia su via Garibaldi che ha subito ristrutturazioni negli anni '70.

Più accessi si aprivano sulla via, uno immetteva nel cortile del palazzo Zardi, un'altra in un'abitazione e per ultimo un portone dove aveva la falegnameria Giuseppe Maestri (Suièn). Esperto fabbricante " ad Ten, suioli, soj, navasol, rèli pri cunj, muscheri, smuiaroli ": al mercoledì, giorno di mercato, esponeva i suoi prodotti in via Garibaldi davanti al palazzo De Magri all'angolo con via 4 novembre, dove c'era la bottega di "Tulon"

Dopo l'ammodernamento  fu aperta l'Esattoria Comunale, nel 1988 l'ufficio della C.N.A.

Negli  appartamenti vi abitò il compianto Dott.Aldo Laguardia

 

 

Via 25 aprile 1945    n.9

Fa parte del fabbricato di Calderoni-Maranzoni che ha l'entrata principale su via Gaibazzi. L'area era il cortile dell'asilo infantile Ilario Gaibazzi. Negli anni '70 fi usato da Marco Spotti per il commercio di mangimi per animali, poi dal negozio di fiori di Orietta Pattini. Ora è utilizzato come circolo , con bar e biliardi.

 

Lungo questo lato della strada si aprono autorimesse e giardini dei palazzi con entrata da via Ilario Gaibazzi.

 

Via 25 aprile 1945    n.

Edificio abitato sino agli anni '50 da Cesare Chiesa (Cesar dal Pipi) commerciante di prodotti per l'agricoltura. Negli anni '20 era sede del Partito popolare, da qui il soprannome di Cesare.

Cesare Chiesa

 

Via 25 aprile 1945    n 14

Costruito nel dopoguerra su terreno in cui scorreva la fossetta, Fu abitato dall'orefice Pietro Alfieri che aveva il negozio in via garibaldi 59.

 

Via 25 aprile 1945    n.16-18-20

Costruito su terreno demaniale nel dopoguerra dalla famiglia Spotti Menotti(1913-2001)-Pattini Alberta(1915-1980). Che al civico 18 vi aprì una cartoleria ad uso della vicina scuola elementare.

Menotti Spotti

Alberta Pattini