HOME

 INDIETRO

Le case di San Secondo

Notizie sulle case la gente della borgata,durante il XX secolodesunte da: "Quaderni sansecondini"

Borgo della rete

CÓ Cavalli                                                                                                                                                                                                   

N.1

Edificio che fu residenza del falegname Cavalli Bruno (1916-1998) - Marchettini Ones (1921-1998) coi figli Rosa e Luigi

 

N.3 - Fu abitato dalla famiglia dei cordai Bolsi  Giovanni e figli Alceo (1917.2005;Gigio, Medaglia d'oro nella II guerra mondiale), Ottavio (1926-2002), Valter (1915-2004) e Vanda. Avevano il "campo di lavoro" in circonvallazione Cavour. La stirpe era soprannominata i Cugnol.

Vi abit˛ in seguito, la famiglia Bergamaschi Angelo (Bramet 1926-1987) - Anna    col figlio Marco e poi dalla famiglia Campanini Pietro - Maria Golini

Giovanni Bolsi

Alceo Bolsi

Ottavio Bolsi

Valter Bolsi

Angelo Bergamaschi

Pietro Campanini

 

Pietro Eva

Zaira Gandini

Romeo Golini

Ada Eva

N.5 -Vi abit˛ la famiglia Eva Pietro(1875-1944) - Zaira Gandini(1876-1951), poi da Golini Romeo (Ghengo 1896-1976)- Eva Ada(1899-1983) col figlio Giannino.

 

Maria Pietralunga

Rina Pietralunga

N.7

Vi abitarono la famiglia Pezzarossa Paolo- Blandina Vaccari coi figli Corrado e Gabriele, poi dalle sorelle Pietralunga: Maria(1909-1977) e Rina(1908-1994)        

 

N. 9 -Residenza della famiglia Pertusi Giulio (Tugnola, portalettere negli anni '10  -1891-1955)-Tessoni Irma(1993-1984) con i figli Verina, Nino (1915-1994,meccanico), Gino (1920-1989,Sarto) e Giuseppe (Pen). In seguito dalla famiglia di  Nino(1915-1994) e Carmelina Benassi(1914-2005) con la figlia Anna  e Romano Cassoni(1942-1981; vedi Radio Bassa Parmense).

Giulio Pertusi

Gino Pertusi

Nino Pertusi

Carmelina Benassi

Romano Cassoni

 

 N.11/15 -Negli anni '30 vi era un'azienda per la produzione del formaggio gruviera. Nella parte a est  ora occupata da un'area cortilizia, scorrevano i canali:  Scolo Sissetta e  Forcello. Fu acquistato nel 1924 da Mario Corradi, che in precedenza aveva gestito un forno in Piazza Garibaldi, impiantandovi un'azienda vinicola  per la produzione ed il commercio dei vini nostrani: Fortana, Fortanina e Lambrusco. Ricordiamo i versi di Tulon sulla trattoria del Sole:...I ven ross nustran n.5, n.8, n.4 chieren furný da un comerciant dal Bureg dal pos..."

Nel 1949 le redini dell'azienda furono prese dal figlio Dr. Luciano (ex ufficiale di artiglieria nella II guerra mondiale, prigioniero degli inglesi in Egitto e Laureato in chimica industriale. ).  con la moglie Vilma Gaibazzi(1921-1998) e le figlie Liliana, Maria Grazia e Luciana. L'attivitÓ continu˛ anche in societÓ con Galli Eliseo (Liseo). Come collaboratore vi lavorava Valter Bolsi, uno dei fondatori della sezione AVIS di San Secondo.Negli anni '70, cessata la produzione vinicola, il Dr. Luciano fond˛ la "Plasticor" fabbrica specializzata nella lavorazione del PVC.

Mario Corradi (1877-1949)

Zanni Enrichetta (1880-1954)

Vilma Gaibazzi

Luciano Corradi

  INDIETRO